I Sistemi Motivazionali – Gioco/Spontaneità

🖊️ Riccardo Fochesato, Ilenia Morreale, Benjamin Gallinaro

Strettamente collegato al sistema motivazionale dell’affiliazione troviamo quello del gioco/spontaneità. 🎳

Quando questo sistema è attivato siamo in grado di far fluire le emozioni.
Il gioco sociale svolge un ruolo in diversi campi: dall’apprendimento (specialmente nei modelli comportamentali sociali) al rafforzamento del sistema di affiliazione.

Diverse ricerche hanno dimostrato come i bambini deprivati o con limitate occasioni di gioco siano maggiormente esposti a sviluppare
fragilità emotive e  psicologiche, mostrando difficoltà  di inserimento  sociale e criticità nelle abilità metacognitive. 🧠

Il gioco è un sistema motivazionale fondamentale per un equilibrato sviluppo dell’identità personale e dell’intersoggettività, per sviluppo di abilità sociali, espressione e regolazione delle emozioni.
Insieme all’attaccamento anche questo sistema è centrale  per la costruzione di modelli cognitivi riferiti alla definizione del sé e degli altri.

Le emozioni collegate alla spontaneità e al gioco sono allegria, buonumore, piacevole eccitazione, spensieratezza, calma e gioia. 😊
Lo scopo è stabilire rapporti con gli altri basati sul gioco, il divertimento e la fantasia. 🌈

Esempi dell’attivazione di questo sistema sono: 

Ci divertiamo con gli amici a giocare nel campo da calcio della parrocchia.
Usciamo a fare aperitivo con i compagni di università e passiamo un momento di relax, pieno di risate.

 

Bibliografia:

  • J.D. Lichtenberg, F.M. Lachmann, J.L. Fosshage, “I sistemi motivazionali”, Il Mulino, Bologna, 2012
  • Liotti, “La dimensione interpersonale della coscienza”, Carocci editore, Milano, 2020
  • Liotti, G. Fassone, F. Monticelli, “L’evoluzione delle emozioni e dei sistemi motivazionali. Teoria, ricerca, clinica”, Raffaello Cortina editore, Milano, 2017
  • Liotti, F. Monticelli, “Teoria e clinica dell’alleanza terapeutica. Una prospettiva cognitivo-evoluzionista”, Raffaello Cortina editore, Milano, 2014
  • Dimaggio, A. Montano, R. Popolo, G. Salvatore, “Terapia metacognitiva interpersonale dei disturbi di personalità”, Raffaello Cortina editore, Milano, 2013
  • Dimaggio, P. Ottavi, R. Popolo, G. Salvatore, “Corpo, immaginazione e cambiamento. Terapia metacognitiva interpersonale”, Raffaello Cortina editore, Milano, 2019
  • Gilbert, N. Petrocchi, “La terapia focalizzata sulla compassione”, Franco Angeli editore, Milano, 2012

 

 

I Sistemi Motivazionali – Sessualità

🖊️ Riccardo Fochesato, Ilenia Morreale, Benjamin Gallinaro

Il sistema della sessualità è basato sul bisogno di formare e mantenere la coppia dal punto di vista sessuale. 👩‍❤️‍👨
A livello evoluzionistico è un sistema trasversale e sfaccettato, non solo nella specie umana, ma anche in altre specie animali. 👫🏻🐬
La sessualità si interseca spesso con altri sistemi dei quali può essere strumento funzionale. Ad esempio in situazioni in cui l’interazione è finalizzata al rafforzamento e consolidamento del legame affettivo di coppia (attaccamento – accudimento),🫂 ad avere una conferma del proprio valore (rango)👑 o a semplice condivisione ludica (sistema cooperativo).🤝

L’attivazione di questo sistema è legato sia a stimoli interni fisiologici del nostro organismo, come le variazioni ormonali, 🧠 sia a stimoli esterni comportamentali di corteggiamento o seduttività da parte di un’altra persona, che da stimoli interni cognitivi. 💭💋
In particolare, i contesti che attivano questo sistema sono situazioni in cui percepiamo attrazione sessuale, sogni o fantasie sessuali, percepiamo o mettiamo in atto atteggiamenti seduttivi, proviamo gelosia verso il nostro partner sessuale.

L’attivazione del sistema sessuale è accompagnata da emozioni di paura del rifiuto e gelosia, 😒 mentre il progressivo avvicinamento alla sua disattivazione è legata a emozioni di desiderio e piacere erotico.🤭

Questo sistema si disattiva al raggiungimento dell’orgasmo, 💥 o nel momento in cui si attiva un altro sistema.
A livello interpersonale, in concomitanza con questo sistema possono attivarsi , nei riguardi della persona con la quale abbiano intrapreso il rapporto, anche il sistema di accudimento o quello cooperativo.

Un esempio pratico dell’attivazione di questo sistema è:
Siamo a bere un aperitivo in un locale in centro. Un/a ragazzo/a molto bello/a ci si avvicina e ci sentiamo molto attratte/i.

 

Bibliografia:

  • J.D. Lichtenberg, F.M. Lachmann, J.L. Fosshage, “I sistemi motivazionali”, Il Mulino, Bologna, 2012
  • Liotti, “La dimensione interpersonale della coscienza”, Carocci editore, Milano, 2020
  • Liotti, G. Fassone, F. Monticelli, “L’evoluzione delle emozioni e dei sistemi motivazionali. Teoria, ricerca, clinica”, Raffaello Cortina editore, Milano, 2017
  • Liotti, F. Monticelli, “Teoria e clinica dell’alleanza terapeutica. Una prospettiva cognitivo-evoluzionista”, Raffaello Cortina editore, Milano, 2014
  • Dimaggio, A. Montano, R. Popolo, G. Salvatore, “Terapia metacognitiva interpersonale dei disturbi di personalità”, Raffaello Cortina editore, Milano, 2013
  • Dimaggio, P. Ottavi, R. Popolo, G. Salvatore, “Corpo, immaginazione e cambiamento. Terapia metacognitiva interpersonale”, Raffaello Cortina editore, Milano, 2019
  • Gilbert, N. Petrocchi, “La terapia focalizzata sulla compassione”, Franco Angeli editore, Milano, 2012

I Sistemi Motivazionali – Cooperazione

🖊️ Riccardo Fochesato, Ilenia Morreale, Benjamin Gallinaro

Il sistema di cooperazione è basato sul bisogno di raggiungere un obiettivo comune 🤝‍ tramite un’azione congiunta con una o più persone. 🎯
Perché possa attivarsi, questo sistema richiede le seguenti condizioni:

  • Presenza di altre persone, potenzialmente interessate ad un certo tipo di risorse 🙋
  • Assenza di competizione all’interno del gruppo ☮️
  • Riconoscimento del fatto che lo sforzo congiunto possa aumentare la probabilità di accesso alle risorse 💪

Quando si attiva il sistema di cooperazione non percepiamo segnali di minaccia dagli altri, che vengono visti come pari.
Il sistema di cooperazione è attivato dal riconoscimento di una relazione paritaria (non gerarchica) con gli altri, inviti a condividere l’attenzione su un obiettivo comune, espressioni di cooperazione (es. sorriso),😁 accordo, empatia, conferme e ampliamenti delle proprie affermazioni. 🗣️
Possono attivare questo sistema anche richiami ad un accordo precedente, o espressioni di condivisione o rammarico per il mancato rispetto di un patto. 💢

Le emozioni correlate con l’attivazione di questo sistema sono: gioia da condivisione, fiducia e amore amicale nel caso del raggiungimento dell’obiettivo 😊; senso di colpa, sfiducia e risentimento nel caso di un tradimento o rottura del patto iniziale. 😠

Il sistema si disattiva quando l’obiettivo comune è raggiunto 🎯, oppure quando una o più persone hanno tradito la lealtà cooperativa o sono stati attivati altri sistemi incompatibili con la cooperazione (ad esempio il “rango”).⚔️
Nel contesto di terapia, questo sistema è un tassello fondamentale per l’instaurarsi di una relazione terapeutica efficace e soddisfacente.

Esempio pratico dell’attivazione di questo sistema è:
A scuola svolgiamo un lavoro di gruppo, lavorando insieme ai compagni. Riusciamo a prendere, grazie all’impegno di tutti, un bel voto.

 

Bibliografia:

  • J.D. Lichtenberg, F.M. Lachmann, J.L. Fosshage, “I sistemi motivazionali”, Il Mulino, Bologna, 2012
  • Liotti, “La dimensione interpersonale della coscienza”, Carocci editore, Milano, 2020
  • Liotti, G. Fassone, F. Monticelli, “L’evoluzione delle emozioni e dei sistemi motivazionali. Teoria, ricerca, clinica”, Raffaello Cortina editore, Milano, 2017
  • Liotti, F. Monticelli, “Teoria e clinica dell’alleanza terapeutica. Una prospettiva cognitivo-evoluzionista”, Raffaello Cortina editore, Milano, 2014
  • Dimaggio, A. Montano, R. Popolo, G. Salvatore, “Terapia metacognitiva interpersonale dei disturbi di personalità”, Raffaello Cortina editore, Milano, 2013
  • Dimaggio, P. Ottavi, R. Popolo, G. Salvatore, “Corpo, immaginazione e cambiamento. Terapia metacognitiva interpersonale”, Raffaello Cortina editore, Milano, 2019
  • Gilbert, N. Petrocchi, “La terapia focalizzata sulla compassione”, Franco Angeli editore, Milano, 2012